sabato, luglio 04, 2009

Serendipità

Perché si dice che nulla accada per caso.
Ma se invece davvero è tutto un caso,
allora il caso ha davvero una passione viscerale
per i puzzle
per i pezzi che si incastrano
per gli sciroppi che si mescolano.

Perché nel caos delle cose,
delle circostanze che si verificano
e quelle che non si verificano,
degli anni che si accavallano
e del tempo che respira e
non s'affanna
di tanto in tanto qualcosa
si poggia sulla terra...

e se proprio in quell'istante,
inizia a piovere,
pioggia e seme
s'appartengono.



Così è stato un puro caso che stasera mi abbiano suggerito di ascoltare Strade Parallele,
un'aria di Giuni Russo e Franco Battiato, di cui riporto il testo e faccio traduzione.

Duminica jurnata di sciroccu
Fora nan si stari
Pi ffari un pocu ‘i friscu
Mettu ‘a finestra a vanedduzza
E mi vaju a ripusari

Ah! Ah! ‘A stissa aria ca so putenza strogghi ‘u mo pinzeri
Ah! Ah! ‘U cori vola s’all’umbra pigghi forma e ti prisenti
nan pozzu ripusari.

U suli ora trasi dintr’o mari
e fannu l’amuri
‘un c’è cosa cchiù granni
tu si la vera surgenti
chi sazia i sentimenti

Ah! Ah! ‘A stissa aria ca so calura crisci e mi turmenta
Ah! Ah! ‘U cori vola sintennu sbrizzi d’acqua di funtana
ndo mo’ jardineddu mi piaci stari sula.

Ah! Ah! ‘A stissa aria ca so calura crisci e mi tormenta
Ah! Ah! ‘U cori vola sintennu sbrizzi d’acqua di funtana
ndo mo jardineddu mi piaci stari sulu
mi piaci stari sula


Domenica giornata di scirocco
fuori non si può stare,
per fare un po’ di fresco
socchiudo la finestra
e mi vado a riposare.

Ah! Ah! La stessa aria con la sua potenza scioglie i miei pensieri
Ah!Ah! Il cuore vola se all’ombra prendi forma e ti presenti
non posso riposare.

Il sole ora entra dentro il mare
e fanno l’amore
non c’è cosa più grande
tu sei la vera sorgente
che sazia i sentimenti.

Ah!Ah! La stessa aria col suo calore cresce e mi tormenta
Ah!Ah! Il cuore vola sentendo schizzi d’acqua di fontana
nel mio giardinetto mi piace stare sola.

Ah!Ah! La stessa aria col suo calore cresce e mi tormenta
Ah!Ah! Il cuore vola sentendo schizzi d’acqua di fontana
nel mio giardinetto mi piace stare solo,

mi piace stare sola.


Mentre forse, invece, non è un caso, che subito la mia mente sia volata a Stranizza d'Amuri, sempre di Battiato

'Ndo vadduni da Scammacca
i carritteri ogni tantu
lassaunu i loru bisogni
e i muscuni ciabbulaunu supra
jeumu a caccia di lucettuli ...
a litturina da Ciccum-Etnea
i saggi ginnici 'u Nabuccu
a scola sta finennu.

Man manu ca passunu i jonna
sta frevi mi trasi 'nda ll'ossa
ccu tuttu ca fora c'è a guerra
mi sentu stranizza d'amuri ... l'amuri
e quannu t'ancontru 'nda strata
mi veni 'na scossa 'ndo cori
ccu tuttu ca fora si mori
na mori stranizza d'amuri ... l'amuri.



Nel vallone di Scammacca
i carrettieri ogni tanto
lasciavano i loro bisogni
e i mosconi ci volavano sopra
andavamo a caccia di lucertole
il vagone della Circumetnea
i saggi ginnici, il Nabucco
la scuola sta finendo.

Man mano che passano i giorni
questa febbre mi entra nelle ossa
Anche se fuori c’è la guerra
mi sento una stranezza d’amore … l’amore
e quando ti incontro per strada
mi viene una scossa nel cuore
e anche se fuori si muore
non muore questa stranezza d’amore … l’amore.


Entrambe, incredibilmente belle.

Posta un commento