lunedì, settembre 19, 2011

Mettete Minzolini nei vostri cannoni [e una definizione di secessione]

Tram, linea 23, Milano, h. 16:32
Due signore anziane siedono una accanto all'altra.
Hanno il fiatone.


- "Ma che era tutta quella gente?"
- "Non lo so, forse per quella cosa lì che c'erano i giornalisti..."
- "Per il processo?"
- "Sì, per il processo"
- "Ah..."
- "Mah... tutti quei giornalisti, eh certo..."
- "Ma 'sto processo è il processo Mills? Ma cos'è?"
- "Quello... quello del processo"
- "Ah... quello dell'azienda?"
- "Sì quello dell'azienda... ma non c'entra con quello di Napoli"
- "Ah..."
   "Ma c'entra con la secessione?"
- "La secessione? No!"
- "Cos'è la secessione?* Che io ancora non l'ho capito"
- "La secessione... è quella di cui parla sempre Bossi"
- "Ah... e che cos'è?"
- "Ma... tipo una cosa che non c'entra con il processo"
- "Io al telegiornale avevo capito che era una cosa come la guerra"
- "Nooo... la guerra no"
- "Ah... allora è quella di cui parla Bossi, ma non vuole la guerra."
- "No, no, quella è l'America"
- "Quindi non è la guerra? Sei sicura?"
- "No, ti ho detto no, quella della guerra è la recessione!"
- "Ah ecco!!! È che una con tutte ste 'cessioni fa confusione!"


* In questi giorni la percentuale di accessi a questo blog tramite ricerca su google di "cos'è la secessione" è davvero alta, questo, una volta di più, ritengo sia il riflesso della scarsa qualità dell'informazione televisiva e più in generale giornalistica, in Italia. Qui di seguito una definizione.

La secessione (dal latino secessio) è il distacco di un gruppo di persone dalla collettività.
I due principali ambiti in cui la parola viene usata sono:
- la secessione in politica, dove un gruppo rappresentante una parte di un paese o di un gruppo sociale (solitamente minoritaria) si separa dall'unità nazionale per rendersi indipendente o unirsi ad un altro Stato;
- la secessione nell'arte dove un gruppo di creativi apre una nuova via dell'espressione artistica

[Fonte: Wikipedia, alla voce Secessione]

11 commenti:

Inneres Auge ha detto...

Io ci metterei quelle signore nel cannone

Alessandra1966 ha detto...

Intanto l'Italia è in zona retro-cessione

Isabel ha detto...

ahahahahahahah grandissime le signore :P

Ernest ha detto...

sicuramente due da cedere!

Ale ha detto...

io, vi giuro, che erano talmente assurde che per un attimo ho pensato stessero fingendo, chessò una specie di esperimento sociologico sui mezzi pubblici! -.-'

ChiaraLuz ha detto...

... ovvero di come la nostra ignoranza, nutrita dai bombardamenti mediatici, sia sempre al servizio del potere...

gran bel post, coglie nel centro!

magneTICo ha detto...

Se non ci fosse l'autobus forse non ci sarebbero i blog. Il mio sicuramente.

iggy ha detto...

tutto chiaro come le tenebre ( e non solo sul 23)

Ale ha detto...

ChiaraLuz ...io conto sulla resistenza :D
grazie! :) e benvenuta!

magneTICo se ci facciamo un blog di sole conversazioni sui mezzi pubblici io ci sto!

iggy prendiamo appuntamento sul 23 e intratteniamo conversazioni a caso con le vecchine?!

iggy ha detto...

minchia no, sul 23 no, ché oggi quasi mi agganciava in p.zza leonardo col suo bel gancio biancorosso sporgente!
facciamo che ci vediamo sul 12? però, per conversare, dovremmo prima imparare l'arabo, il filippino ed il cinese..!-D

Tom ha detto...

Meno male che io di solito prendo il 16... ;)