giovedì, ottobre 02, 2008

 

...e se con le mani
che prima erano lì profonde nelle tue tasche
con leggerezza e distrazione
prendi un filo giallo
e lo srotoli,
la tua mente, ora, dove arriva?


Dove lo porta il tuo pensiero ed i suoi passi?
Incede?

o striscia sporcandosi di terra?

Puoi sentire il sapore del cotone nell'aria fredda di mattina?

Si è annodato?
Per dio, scioglilo.

o ingarbuglialo per sempre.

Hai lasciato andarne il capo o lo tieni ancora tra le mani?
Si è fermato lì ai tuoi piedi? ...o gli hai messo un piede sopra?

Vuoi una cruna con un ago?
Sei un cammello?

Lo raccogli da una pozza? Si è bagnato e non si muove?
Soffia forte che si asciuga.


Se l'hai perso già di vista, guarda bene nelle tasche.


...ma se vola via leggero,
stagli dietro e non staccarti
forse in volo si è impigliato
alla piuma di un uccello.





Posta un commento