lunedì, giugno 25, 2012

Incastri

E ho attraversato la città una volta e più in silenzio. Una via dritta come una vena stesa e tesa verso una direzione esatta e sempre quella. Ho cambiato strada, ho fatto curve e scavalcato ponti, ho cercato vie strette e luminose, ho percorso veloce arterie lunghe e buie. 

Forse una città la si dovrebbe lasciare quando i ricordi iniziano ad accavallarsi, quando una strada, quella strada, ti accorgi di averla percorsa talmente tante volte che non è più lei ma sei tu, con i tuoi passi esatti e l'abitudine per i dettagli, sempre gli stessi.
O forse e ragionevolmente, la mappa di una città si sovrappone alle mappe che crei dentro di te. Mappe in cui si compongono disordinate le tue comparse nella realtà. E quanto più sei bravo a reinventarti, a trasformarti e ad adattarti, anche al caso talvolta, tanto più qualsiasi posto faccia da proscenio a ciò che sei, sarà infinito e teso verso lo spettacolo più appassionante che tu possa mettere in scena. 



4 commenti:

Jfnhr ha detto...

E' anche piacevole (a volte, raramente, mai) muoversi nelle strade scorgendo fili tessuti da altri, facendo collassare il presente ed i ricordi, ritrovarli nei gesti e nei particolari dietro l'angolo sbrecciato, raggomitolati in uno scorcio dimenticato, o piegati pronti a scattare nella curva di un meccanismo. Un dialogo muto, la trama di un arazzo urbano.

Ale ha detto...

Jfnhr :) lo credo anch'io... è intrecciato tra quelli, del resto, il proprio filo d'Arianna.

Donna con Fuso ha detto...

la foto è strepitosa
e i pensieri mi rispecchiano profondamente
un saluto da NYC

carl8 ha detto...

si, come dici tu la strada è il nostro doppio, la nostra persona, volente o nolente.
Quante volte ripasso dalle mie strade e ogni volta colgo degli aspetti, delle caratteristiche ancora a me sconosciute. E mi beo, illudendomi che ogni volta ne scoprirò ancora delle belle.
Bello il tuo blog. A presto, spero.