domenica, maggio 22, 2011

Da giovane dormivo nel castello avito
fatto di sogni usati e di disperazioni,
simile a un grande mausoleo,
dove si inizia ad alloggiare nella torre più alta
e si finisce, già troppo vecchi per ricominciare,
alla porta d'ingresso a ricordare.

Guido Bacci

Posta un commento