venerdì, febbraio 19, 2010

Le vite degli altri (2006) regia di Florian Henckel von Donnersmarck

Non tutti i film, per essere travolgenti, devono necessariamente tirarti per i capelli e metterti a testa in giù. Questo scivola veloce, non ti stravolge in corsa, quasi non c'è spannung, sembra già visto, eppure non è il solito film ricalcato sulla letteratura di genere. I riferimenti non sono troppo evidenti, l'intento non ha mezze misure ma è perfettamente equilibrato, calibrati i suoni e i colori. Non strappa con forza ma è dirompente sull'ultima nota, con l'ultimo sguardo, l'ultima frase. Una DDR tanto grigia quanto reale, l'ambientazione perfetta, le atmosfere calzanti.
C'è un lieto fine e consola... lo sai che ti consolerà... ma non ti risparmia.
Bello, proprio bello.


Posta un commento