lunedì, ottobre 19, 2009

...che è sabbia.

Quarzo e onice,
se provi a spezzarli, dentro, quel luccichio, che è sabbia, è ancora più misterioso e freddo.
Appena solo tenti di stringerli tra le dita, quello stridio è ancora sabbia.
Puoi spingerli e farli rotolare sinché cadano. Ma se continui a tenerli tra le mani, si scaldano, e la pietra si fa fuoco.

8 commenti:

todomodo ha detto...

Cioccolata, fidati ;)
(ma la manicure?)

Stella ha detto...

bellisssssssimo...io ho sognato per un momento...

Ale ha detto...

Lo sembra, effettivamente. Ma se lo fosse sarebbe amarissima cioccolata fondente, e io la detesto.
(non me ne sono curata, dovevo?)

Stella... ti bacio! ...ma non per il complimento. ...che sia chiaro.

Chica ha detto...

sto post mi fa l'effetto del gesso che raschia sulla lavagna....non so' perchè....

Ale ha detto...

se ti è di consolazione, lo fa anche a me :) ...la chiusa voleva essere di conforto... come le mani sulle orecchie.

iggy ha detto...

uau!

todomodo ha detto...

No no, e non per lo stridio, bensì perché non necessaria. Ma necessaria, come puoi ricordar dal mio adagio (riadattato):
http://www.flickr.com/photos/todo_modo/2967157505/

Ale ha detto...

iggy ... sei troppo buono! è questa la verità! :D

Todo... dici che dovevo sfuocarla? :p (non c'è gara... non c'è gara lo so.)