lunedì, novembre 24, 2008

Questi giorni [d'ispirazione...]


Vento
scegli per me una barca
fra i rami degli alberi.
E' tra le foglie di un viale
la rotta per i porti
e l'inizio di tutto.
Sospingi in alto la prua
così ch'io non abbia timore
da schivare le genti.
Segui la rosa
nel cui cuore ho nascosto
i miei sogni.
Scegli la luce
al cui apparire
veleggi.
E se fosse l'alba
non tremare del freddo.
Al tramonto
lasciami pure arrossire.
Nel buio
è la mia luna
che guida.
Ed al sole
cerca le stelle
del giorno.
Finchè da maestrale
ti farai zefiro
ed il mio viaggio
la tua rivoluzione
sarà l'arrivo delicato
della primavera
nelle mie terre.


10 commenti:

stelllare ha detto...

di chi è?

Ale ha detto...

:) ma come di chi è?...
se fosse di qualcun'altro sarebbe firmata...

stelllare ha detto...

scherzavo...era una lusinga!un complimento...;o)

Ale ha detto...

;) quasi mi sentivo piccata... quasi si mettesse in dubbio la maternità...
Chino il capo, arrosisco, e ringrazio del complimento...

iggy ha detto...

che bellezze di parole

Coq Baroque ha detto...

fa venire voglia di innamorarsi... peccato abbia smesso :)

Ale ha detto...

#iggy - ... le parole sono d'argento ... il silenzio è d'oro... e in un silenzio imbarazzato...sorridendo... ringrazio...

#coq - peccato... :)

stelllare ha detto...

Anch'io COQ! che sia un virus?

Coq Baroque ha detto...

Non so Stella, comunque, come dice Ale non e' una situazione che mi piace tanto. E' da "peccato"

Arimortis ha detto...

si, é disegno molto bello.