domenica, marzo 25, 2012


Ho una colonna di marmo dentro.
È lei in me e sono io in lei.
Poggia sulla mia spalla e sale lungo il collo fino alla testa.
Tesa e contratta come un arco, aspetto che scocchi o che si spezzi.
Per non stringerla l'avvolgo.

Ho in me una colonna di ghiaccio.
È dentro di me e io dentro lei.
Non la tocco, non mi lascio toccare.
Vi scivolano lucide le mie gocce e si freddano.
Non mi sciolgo. Non si scioglie.

Sono venti, vortici di venti.
Mettono scompiglio anche quando ho voglia di calma, di fidarmi.

Ho due colonne dentro, s'alzano alte come venti.
Una ad oriente e una ad occidente dei miei pensieri.
Mentre io mi allontano senza direzione.



6 commenti:

George ha detto...

Avrò da riflettere questa notte, grazi.

Ale ha detto...

:)

Giancarlo ha detto...

buona domenica...ciao

magneTICo ha detto...

Lasciami indovinare: hai fatto sesso di gruppo questo weekend?!?

Scusa non ti volevo rovinare il post... è che non ho proprio resistito!

patalice ha detto...

...oh cavoletti...
per il lunedì mattina alto contenuto di sensualità... troppo alto per chi lavora dalle 7.00

Ale ha detto...

magneTICo :) no, niente di tutto questo, è la foto che a quanto pare è sconveniente, onde evitare l'ho censurata.

con la censura ahimè il post prende tutt'altro senso :|

patalice... ehm... no, non ce l'ha, lo giuro.