domenica, ottobre 23, 2011


E le sfilerò, saranno come filo di vetro rosso e blu, mi verserò in un'ampolla e diventerò viola. Taglierò dei pezzi piccoli, io voglio stare nel palmo di una mano. Tutta.
Li metterò in fila e stravolgerò le regole, due rette parallele, s'incontreranno. Le ossa le pesterò una ad una, lentamente, senza nemmeno troppa forza, perché del resto andrà via via svanendo.
Distillerò ogni colore. Bile, muscoli e viscere li radunerò in disordine e li legherò in un fascio con un tendine. Non so ancora se userò due diverse ampolle o una soltanto, scorrerò limpida.
Per ultimo avrò un pensiero, io voglio stare nel palmo di una mano. Tutta.



4 commenti:

Stella ha detto...

ti sei bevuta il cervello a colazione?

iggy ha detto...

tutto chiaro: pubblicato da ale alle 03:58

Ale ha detto...

ehm... no.
frullato? :D

iggy, ma è il mio solito orario!

iggy ha detto...

io a quell'ora di solito mi sveglio causa pipì ;-)