venerdì, agosto 05, 2011

Sotto vuoto spinto

Si possono svuotare un'infinità di cose. Tutto ciò che è pieno, in un attimo. Ho imparato a svuotare le tasche, perché non finiscano le monete nel filtro della lavatrice. Ho svuotato secchi, bottiglie, cestini, finanche i bicchieri mezzi pieni. Svuoto con una frequenza disarmante stanze, valigie, armadi.
Per quante volte questo è rigenerante, altrettante somiglia più ad uno strappo. Chiudo le cerniere però, così che resti tutto dentro, come un vaso di Pandora.
Ho imparato anche a svuotare di senso quello che mi ferisce o mi offende. Lascio che ogni cosa si versi fuori e non trattengo nulla, nessuno.
Imparerò a svuotare la mente prima o poi, e saprò che nulla di ciò che vale si lascia svuotare o scivolar via.
Ho la pancia vuota, vado a svuotare il frigo.





Posta un commento