giovedì, giugno 02, 2011

Agli uomini che mi hanno amata

Se per parlare a tutti, potessi metterli in fila uno dietro l'altro... no, non lo farei, nemmeno per ringraziarli.
Ho avuto accanto uomini che hanno cercato di rispettare ciò che sono, il mio essere donna ed essere una donna complicata, accettando i miei lenti piccoli passi verso di loro, il mio modo angusto e contorto di affidarmi. Ho avuto accanto uomini capaci di mettere un'esca perché io potessi guardarla da lontano, avvicinarmi con prudenza per ritrarmi di scatto e decidere quando rubarla senza essere vista. Uomini che hanno saputo dosare l'entusiasmo, per non farmi scappare, quando ho deciso di affidarmi.
Ho avuto uomini capaci di cercarmi scavalcando le mie onde di passione, di trovarmi in un mio racconto ed avermi già persa al successivo. Uomini che si sono seduti accanto a me quando io ero immobile e perduta. Uomini che hanno iniziato a fermarsi per capire perché fossi così in corsa e non si riuscisse ad afferrarmi.
Ho avuto uomini che hanno inventato un tempo nuovo, pur di sopportare quello in cui io restavo distante seppur presente e viva. Uomini che hanno saputo cambiare le loro impressioni, che hanno accettato la difficoltà nel capire subito chi sia e dove stia andando. Uomini che si sono rimboccati le maniche per spiegarsi quello che di me io ancora non mi spiego.
Ho avuto accanto uomini che mi hanno lasciata entrare senza chiedere permesso e sono rimasti alla porta finché io non ho deciso che era il momento di entrare. Uomini spaventati dal turbinio di pensieri che ho sempre dentro e uomini che hanno cercato di aiutarmi a controllarlo.
Uomini che non si sono lasciati scoraggiare da ogni mia critica. Uomini che mi hanno lasciata essere ancora bambina. Uomini che hanno cercato di attraversare con me di nuovo il mio passato.
Ho avuto uomini che non hanno mai smesso di cercarmi in me.
Ho avuto uomini che hanno capito quanto io sia misteriosa già per me.
Qualcuno mi ha trovata, qualcun altro ha accettato i miei misteri, c'è chi ha provato ad entrare deciso e chi ha deciso di cercarmi in silenzio finché io non mi fossi fatta trovare, qualcuno infine si è appassionato alla mia passione.
Nulla si è mai ripetuto. E non potrei mai metterli in fila.

Forse ho da chiedere scusa, perché ogni angolo di me, per me, è ancora vergine.






Posta un commento