domenica, maggio 15, 2011

"In me c'è qualcosa di rotto" cit.

E del mio braccio ne faccio una culla, una falce senza filo e la mia vita d'adesso, i miei ricordi, come un bambino e i suoi giocattoli, li tiro a me, gelosa, protettiva, implacabile e decisa.
Si accavalleranno le cose una sull'altra, qualcuna finirà sotto tutto o sopra tutto, i semi del mio futuro da cui già sbocciano le bianche margherite, si piegheranno al mio passaggio senza taglio alcuno e davanti a me, con la vita d'oggi e il passato tra le braccia, ritorneranno dritte e fiere.
In me c'è qualcosa di rotto ma io sono testarda e raccolgo i pezzi senza recidere o accettare.
Fingo di mietere in me stessa ma l'appartenenza non si sceglie, mi appartengono e basta anche questi pezzi. e io mi aggiusto. mentre resisto a me.



Posta un commento