domenica, giugno 28, 2009

A braccio... DR (domande random)

Non è che avessi in mente un post di senso compiuto... o che abbia trovato il modo di integrare le tre cose in maniera ragionevole o sensata...tanto per capirci.

Il cane più brutto del mondo non è poi così brutto, ne ho visti di peggiori (anzi lo trovo persino carino), quello dell'anno scorso era molto più raccapricciante, quindi mi chiedo, a meno che non se la sia quagliata*, non rimane sempre il più brutto?

Riflettevo nel pomeriggio su quanto fosse provocante, anni fa, la parola reggiseno... un nome, un programma, come si dice. Ormai lascia indifferenti tutti...grandi e piccini. E poi non si capisce perché io da Serravalle torno solo con buste piene di biancheria intima, come dire che non riesco a comprare un paio di culotte o un reggiseno (fa effetto? ...manco per nulla) di marca se costano rispettivamente più di tre e sette euro. Cos'ho che non va?

Ultima questione... il mondo si strugge per la morte di Michael Jackson e allorché mi domando... ma solo a me irrita enormemente che sia osannato uno che ha passato la vita a tentare di cambiar colore con tutti i problemi di razzismo e integrazione che ci sono al mondo?
Con tutto rispetto per la sua morte e per il suo contributo alla storia della musica pop, sia chiaro.






[il più brutto, in questione]




* quagliarsela: tirare le cuoia**
** tirare le cuoia: crepare***
*** crepare: passare all'altro mondo****
**** passare all'altro mondo: (ok la smetto...è la stanchezza... ma l'idea era di proseguire finchè non fosse parso fin troppo ovvio di quanti sinonimi l'italiano si dota per il semplice, chiaro e preciso morire...e i conseguenti risvolti psicosociologici... sì, è proprio la stanchezza...la smetto subito.)

6 commenti:

Chica ha detto...

No...sta sul culo anche a me......e mi da sempre molto fastidio quando la gente osanna da morto ciò che aveva denigrato (giustamente? ingiustamente?) da vivo...personalmente , se non ho rispetto per la persona, per l'uomo...non me ne frega niente che sia il re del pop o abbia una voce straordinaria.....

PS: il cane non è così brutto!!!

Anonimo ha detto...

Mah, ti dirò, su Jackson non concordo. Calcolando quante ne ha passate da ragazzino e gli squilibri che ne son venuti, la sua è stata davvero una vita sprecata. Sinceramente, era da vent'anni che mi faceva tanta pena, ed è finita nel modo in cui doveva finire.

Ale ha detto...

Chica... concordo in pieno... su Jackson e sul cane ;)

Wood... con te invece ce la discutiamo a pugni ;) ... mica si può giustificare uno per i guai che ha avuto durante la sua infanzia! Che discorsi sono!!!! Perdindirindina!

Chica ha detto...

Wood...chissà che infanzia terribile deve aver passato Jack lo Squartatore...o per tornare ai nostri tempi il Sor Pacciani e i suoi compagni di merende...;))
...non è un giudicare...nè voglio sempre dover comprendere tutto e tutti...ha fatto la sua vita secondo le sue scelte...ha avuto cose e possibilità che ognuno di noi neanche campasse tre vite...ha vissuto sopra le righe ed è morto da mito come tutti quelli che muoino all'improvviso.....ma non ha fatto niente di eroico...e forse (dico forse) qualche peccatuccio l'ha commesso.
Punto. Ma non sopporto chi lo ha chiamato pedofico da vivo e ora lo piange da morto...e non giustifico neanche chi si toglie la vita per il dolore della sua scomparsa..siamo impazziti??
Forse i genitori di quei ragazzi , nel loro pur immenso dolore, qualche domanda dovrebbero porsela....

Anonimo ha detto...

Di Jack e Pacciani e compagnia ignoriamo l'infanzia, di Michael Jackson invece no. Ha avuto un padre orribile (mi pare evidente anche solo dal contegno dopo la sua morte) che ne ha segnato i primi anni di vita e tutto quello che è stato dopo. Peraltro, non lo ritengo eroico (una pietra miliare - con effetti dubbi - della musica però sì, anche se secondo me avrebbe dovuto far il ballerino - e lì ricasca il padre), né giustifico (anche perché ci son dubbi sulla cosa, ergo diciamo che sospendo il giudizio, visto che alla fine è rimasto sospeso, e non concepisco le folle isteriche), solo che mi vien da pensare, vedendo nel corso degli anni il continuo declino e il profondo disagio, che sia stato una figura tragica, e un caso tipico di autodistruzione. Pubblico o privato non conta, fosse stato un tizio qualunque l'avrei pensata allo stesso modo, ergo le possiblità che ha avuto non valgono la vita che ha sprecato in quanto individuo. E' stato una farsa, anche piuttosto triste.

WS

Chica ha detto...

..e su quest'ultimo post concordo con te WS...