giovedì, maggio 14, 2009

Un aperitivo in cortile.

Le entrate ed uscite di scena.
Mi sono sempre piaciute un sacco.
Quando trattieni il fiato ed intorno si fa il silenzio o quando al momento giusto, esatto e preciso, qualcuno va via... si alza, sposta la sedia, ringrazia e va via.
Perché è un'arte quella di saper entrare ed uscire di scena, così come poggiare una penna, chiudere un frigo, aprire una finestra, entrare in una stanza o dire la parola giusta al momento giusto.
Esiste un momento esatto in cui qualcosa ha senso ed un attimo dopo non lo ha più.

Allora bisogna saper cogliere i dettagli, anticipare di un istante gli eventi, afferrare nell'aria quel sapore di necessità che quel qualcosa accada.

Così, non è che lui stasera abbia anticipato l'uscita, intralciando la disinvoltura del gesto...
...si è semplicemente alzato, ha chinato il capo per ringraziare tutti e con calma eleganza ma senza indolenza, è andato via nel momento esatto in cui era giusto congedarsi.

Lasciandomi incantata.

.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Incantata? Perbacco, quanto meno doveva esserci una capriola carpiata di mezzo :P

mik ha detto...

Incantanti. Come si rimane dopo avere letto questo splendido post!
brava! :)

Ale ha detto...

:) Ws, sei sempre tu? Io m'accontento di poco (...come si dice).

Mik...tu sei sempre troppo buono con me :)

Stella ha detto...

i tempi della recitazione...e poi Mik ha ragione!